Da Google uno stanziamento di 300 milioni di dollari per la crescita del giornalismo online

Presentato il nuovo progetto “Google News Initiative”.

“Google News Initiative” è il nuovo programma globale lanciato dal colosso del web per supportare il giornalismo di qualità e promuovere la diffusione di notizie da fonti affidabili.
L’annuncio è stato fatto da Philipp Schindler, Chief Business Officer di Google, nel corso di un evento a New York.

Il progetto è un’espansione su scala globale della “Digital News Initiative”, portata avanti da qualche tempo in Europa, e ha tre obiettivi: far emergere e rafforzare il giornalismo di qualità sulle piattaforme di Google; abilitare nuovi modelli di business che supportino un giornalismo di qualità; consentire alle organizzazioni del mondo dell’informazione di sfruttare la tecnologia per portare innovazione nelle redazioni.

Rafforzare e elevare il giornalismo di qualità

Tra le novità previste anche Disinfo Lab, un’iniziativa per combattere le informazioni fuorvianti e la disinformazione in periodo di elezioni politiche o in caso di breaking news, mentre, per aiutare gli utenti a capire cos’è vero e cosa non lo è sul web, Google ha lavorato insieme al Poynter Institute e alla Local Media Association per lanciare MediaWise, un progetto dedicato agli Stati Uniti e creato per migliorare la digital media literacy (l’alfabetizzazione digitale) degli utenti più giovani.

Sviluppare nuovi modelli di business per supportare il giornalismo di qualità

Per consentire agli editori di diversificare il flusso di ricavi, è stato inoltre creato Subscribe with Google, uno strumento che permette alle persone di iscriversi facilmente a diverse testate, aiutando gli editori a coinvolgere i lettori, sia su Google sia sul web. Ha già diversi partner nel mondo (in Italia, La Repubblica).

Philipp Schindler (da www.linkedin.com)

Aiutare gli editori a sfruttare la tecnologia per l’innovazione nelle redazioni

Sarà sviluppato Outline, un sistema che permette agli editori di creare con facilità VPN per garantire ai giornalisti un accesso a internet più sicuro, senza aver bisogno di particolari competenze in ambito tecnologico.

Sundar Pichai ( di Maurizio Pesce, CC BY 2.0)

Ha chiosato l’amministratore delegato Sundar Pichai: «A Google importa molto il giornalismo. Crediamo che diffondere conoscenza renda la vita migliore a chiunque. È alle fondamenta della mission di Google. È la mission di editori e giornalisti. Semplicemente, i nostri futuri sono collegati».

Guarda il video di presentazione, pubblicato da Google il 20 mar 2018.