23.2 C
Rome
giovedì, Ottobre 22, 2020

Coronavirus, Salvini “Nuova chiusura sarebbe morte del Paese”

GENOVA (ITALPRESS) – “Ci rifiutiamo di pensare a una nuova chiusura generalizzata, sarebbe la morte di questo Paese. Il rimedio rischia di fare più danni del danno che deve riparare”. Lo ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, in conferenza stampa a Genova prima di incontrare vertici ed eletti del partito. “Mi domando cosa abbia fatto il governo negli ultimi sei mesi per prevenire e limitare la seconda ondata. Torniamo a febbraio-marzo con l’Italia che attende le dichiarazioni in diretta tv per capire chi va a scuola e chi resta a casa, chi è fortunato e chi è sfortunato”, ha aggiunto. Per Salvini nella prima ondata “tutto o quasi si poteva giustificare, sono passati sei mesi, mi rifiuti di pensare a chiusure indiscriminate annunciate la sera in tv senza concordarle con imprese, sindacati e lavoratori. Inoltre, il leader della Lega ha osservato come “i lockdown non si annunciano, ma se servono si fanno. La politica degli annunci è devastante”. Salvini ha commentato le dichiarazioni del virologo Andrea Crisanti che ha parlato di un possibile lockdown a Natale: “Devastante, parole al vento. Se devi chiudere per motivi scientifici chiudi, gli annunci fanno danni economici e sociali pazzeschi”.
(ITALPRESS).

More articles

Latest article

Profumo “Tecnologia a supporto del sistema salute”

ROMA (ITALPRESS) - "La dimostrazione di oggi è un esempio tangibile di come le tecnologie possano aiutare i cittadini, curando meglio le persone e...

Coronavirus, 16.079 contagi e 136 morti

ROMA (ITALPRESS) - Crescono ancora i contagi in Italia nelle ultime 24 ore e toccano un nuovo record. Sono 16.079 i casi registrati, in...

Hindley vince la 18^ tappa, Kelderman nuova maglia rosa al Giro

SONDRIO (ITALPRESS) - Jai Hindley vince la diciottesima tappa del Giro d'Italia 2020 andata in scena da Pinzolo ai Laghi di Cancano dopo 207...

Coronavirus, Barbaro “Verso lo sport c’è clima da caccia alle streghe”

ROMA (ITALPRESS) - "Siamo a un punto che è in qualche modo demonizzata l'attività sportiva, non comprendendo che il problema non può essere quello...