Classifica Comscore dell’informazione online, maggio 2019: podio conquistato di nuovo da Citynews, Fanpage e TgCom24

Anche nel mese di maggio il podio Comscore è invariato rispetto alla rilevazione del mese precedente: solo 12 media su 60 sono in calo, sicuramente grazie al lavoro svolto per le elezioni europee.

La classifica Comscore, multinazionale statunitense delle misurazioni su internet, rimane praticamente invariata rispetto al mese precedente, senza nuovi ingressi in posizioni importanti; si registra però qualche lieve variazione.

Si conferma in testa Citynews, associata USPI, che conta ormai 50 giornali locali online. Il gruppo editoriale di Luca Lani e Fernando Diana, conta 26 milioni 556mila visitatori unici mensili, +11% rispetto ai dati di aprile 2018.

Secondo posto stabile per FanPage il giornale online partenopeo fondato da Gianluca Cozzolino, anch’esso associato alla nostra USPI, con 21 milioni di utenti unici.

Terzo classificato TgCom 24 il quotidiano online di Mediaset con 20 milioni 700mila.

Quarto è QuotidianoNet che guadagna un posto rispetto ai dati dello scorso aprile, quinto Il Fatto Quotidiano.it, che scende invece di una posizione. Sesto si conferma IlMessaggero.it.

Crescite notevoli sono state registrate nei dati rilevati da Comscore per: Il Tempo (+38%), QuotidianoNet (+27%), Il Sole 24 Ore (+25%), Il Post (+23%), l’Ansa (+22%), Rai News (+20%), SkyTg24 (+19%), Il Fatto Quotidiano (+18%). TPI e Calciomercato.com hanno registrato un incremento impressionante, dovuto essenzialmente a dei motivi tecnici, rispettivamente pari a +93% e +183%.

Dalla classifica sono escluse, su richiesta dell’editore, le testate del gruppo Gedi, come Repubblica, La Stampa, i Quotidiani Espresso e anche l’Huffington Post.

L’Accordo di collaborazione USPI – COMSCORE

Ricordiamo che USPI ha firmato un Accordo di collaborazione con COMSCORE, in vigore dal giungo 2018, che permette a tutti gli associati USPI di attivare, gratuitamente, il servizio per la misurazione digitale del traffico dei propri giornali online.

In base a tale Accordo, inoltre, i dati saranno raccolti in un unico dato aggregato che offrirà, per la prima volta, la reale lettura del settore digitale dei giornali online iscritti USPI, di diverse dimensioni economiche e di larga diffusione sul territorio.

Si tratta di un comparto che copre, al momento, l’85% del totale degli utenti internet italiani. Di questo dato, il 95% si informa sulle testate associate a USPI tramite mobile.